Rune, la cabala runica, l’albero della vita e i suoi sentieri

8 Aprile 2022

Le rune e la cabala runica, un antico mistero

In un passo dell’Apocalisse, 22:14, è scritto

“Beati coloro che lavano le loro vesti, affinché abbiano diritto all’Albero della Vita e possano entrare nella città per le porte”.

Ormai dovrebbe essere chiaro che esistono svariati strumenti per percorrere i sentieri dell’albero della cabala  e i tarocchi  possono essere un valido aiuto in questo viaggio che ci consentirà l’accesso alla città delle porte principali, tuttavia esistono anche altre strade ed oggi mi fa piacere parlarti di un altro strumento che ho sempre adorato: le rune.

Prima, però, è giusto fare un passo indietro così che tutti possano unire i punti.

Parlare di rune e dell’albero cabalistico, unendo i due termini nella stessa frase, potrebbe risultare blasfemo alle orecchie di molti ma i tempi sono ormai maturi per poterlo fare.

La Cleromanzia, parola che deriva dal greco, dove kleros significa sorte e manteia equivale a indovinare, o  Sortilegio, per restare più vicini a noi, dal latino sortem ossia sorte e lego ovvero lèggere, da sempre affascina l’uomo ma non ha nulla a che fare con l’Uomo con la “u” maiuscola.

Qualsiasi strumento è infatti utile e utilizzabile da chi ha occhi per vedere e, anche se, com’è giusto che sia, ognuno ha una sua preferenza, dadi, astragali, ossi, pietre, legni, non fanno differenza quando Mercuro sussurra all’orecchio. Il mezzo non è molto importante.

Tuttavia, come ben noto, questi strumenti sono magici, in essi vi è la capacità intrinseca di divinare.

Ma sono anche magici perché, se sono conosciuti a fondo, possono portare l’Uomo a conoscere meglio sé stesso al fine di “entrare nella città per le porte” e dunque espandere la sua coscienza avvicinandolo sempre di più al suo stadio finale.

Ecco allora che tarocchi, rune, I Ching o qualsiasi altro mezzo diventano strumenti donati allo scopo di mettersi in viaggio con una sola semplice missione: ritrovare sé stessi e il proprio posto in questo multiverso.

Le rune, l’albero della cabala e la cabala runica

rune

Rūnar, nell’antico nordico, significa scrittura e la runologìa è la disciplina scientifica, linguistica, filologica e storica, che studia le rune, i documenti runici e la civiltà runica.

Questa disciplina fa parte della germanistica ovvero lo studio storico e antropologico della cultura germanica.

I simboli che sono riportati sulle rune altro non sono che le 24 lettere che componevano l’alfabeto di derivazione da vari Fuþark antichi e più recenti, sapientemente miscelati dal tempo per via degli inevitabili incontri tra popoli diversi.

Le 24 lettere sono raffigurate divise in 4 sestine e la prima riga spiega il termine.

La parola Fuþark, se vogliamo quindi alfabeto, infatti deriva proprio delle prime sei lettere F, U, Þ, A, R e K per traslitterazione.

lettere runicheL’origine del Fuþark è antichissima, molti la collocano risalente ai tempi etruschi, ma, com’è facilmente immaginabile, stabilire la derivazione certa e complessiva è impossibile, considerato che ogni popolo ha lasciato il suo passaggio in questi antichi simboli da cui derivano gli alfabeti moderni ivi compreso quello attuale che utilizziamo.

Ciò che sappiamo, invece, è che i nomi delle rune derivano direttamente della runa stessa.

Questa dovuta premessa ci permette già di completare un passaggio fondamentale.

Il simbolo è associato ad un nome e il nome se pronunciato correttamente emette una vibrazione.

La vibrazione è ciò che ci permette di “aprire le porte” e tra poco vedremo qualche metodo pratico per farlo.

Ogni runa è depositaria di un significato.

Ad ogni runa, parimenti, è solitamente associabile:

  • un mito della tradizione nordica;
  • un colore;
  • un albero;
  • un arbusto;
  • un segno astrologico;
  • una carta dei tarocchi;

e tanto altro ancora.

Come sappiamo ad ogni sentiero dell’albero della cabala è associabile un Arcano ma se l’Arcano è a sua volta associabile con una runa è allora altrettanto possibile per trasposizione associare quest’ultima al sentiero stesso?

cabala tarocchi

È molto probabile che ti stia chiedendo perché farlo.

Ho scoperto nel tempo che per tanti è molto più semplice meditare su “simboli semplici” che su quelli complessi.

Meditare sugli Arcani non è  facile come si pensa.

Ogni carta racchiude un significato ben preciso che va letto e contestualizzato sul relativo sentiero.

Di contro, le rune offrono insegnamenti più pratici poiché già decodificati in partenza.

Sfruttare la runa in meditazione, della quale abbiamo già un suono ben preciso, un colore sul quale appoggiarci, un segno astrologico che ne traccia il carattere lo reputo molto meno complicato, soprattutto per i novizi.

Se poi pensiamo che le rune Turisaz, Inguz, Berkana, Fehu, Kano, Ansuz e Tevize aiutano anche nel potenziamento deii chakra, come anche che ad ogni runa può essere associato un organo o una parte del corpo il quadro esposto diventa più completo, le rune possono essere energizzate anche per aspetti equilibranti o curativi e ascendendo o discendendo l’albero possiamo sfruttare anche questo aspetto.

 

Sentieri dell’albero della cabala, arcani maggiori e rune corrispondenti

  • Il Matto (numero 0 – 22) sentiero tra Kether e Chokmah, corrispondenza con la runa DAGAZ
  • Il Bagatto (numero 1) sentiero tra Kether e Binah, corrispondenza con la runa MANNAZ
  • La Papessa (numero 2) sentiero tra Kether e Tipheret, corrispondenza con la runa PERTHRO
  • L’Imperatrice (numero 3) sentiero tra Chokmah e Binah, corrispondenza con la runa EHIWAZ
  • L’Imperatore (numero 4) sentiero tra Netzach e Yesod, corrispondenza con la runa FEHU
  • Il Papa (numero 5) sentiero tra Chokmah e Chesed, corrispondenza con la runa OTHILA
  • Gli Amanti (numero 6) sentiero tra Binah e Tipheret, corrispondenza con la runa THURISAZ
  • Il Carro (numero 7) sentiero tra Binah e Guevurah, corrispondenza con la runa RAIDHO
  • La Giustizia (numero 8) sentiero tra Guevurah e Tipheret, corrispondenza con la runa TEIWAZ
  • L’Eremita (numero 9) sentiero tra Chesed e Tipheret, corrispondenza con la runa ISA
  • La Ruota della Fortuna (numero 10) sentiero tra Chesed e Netzach, corrispondenza con la runa GEBO
  • La Forza (numero 11) sentiero tra Guevurah e Chesed, corrispondenza con la runa URUZ
  • L’Appeso (numero 12) sentiero tra Guevurah e Hod, corrispondenza con la runa WYRD
  • La Morte (numero 13) sentiero tra Tipheret e Netzach, corrispondenza con la runa BERKANA
  • La Temperanza (numero 14) sentiero tra Tipheret e Yesod, corrispondenza con la runa JERA
  • Il Diavolo (numero 15) sentiero tra Tipheret e Hod, corrispondenza con la runa NAUTHIZ
  • La Torre (numero 16) sentiero tra Netzach e Hod, corrispondenza con la runa HAGALAZ
  • Le Stelle (numero 17) sentiero tra Chokmah e Tipheret, corrispondenza con la runa ALGIZ
  • La Luna (numero 18) sentiero tra Netzach e Malkuth, corrispondenza con la runa e LAGUZ
  • Il Sole (numero 19) sentiero tra Hod e Yesod, corrispondenza con la runa SOWULO
  • Il Giudizio (numero 20) sentiero tra Hod e Malkuth, corrispondenza con la runa EHIWAZ
  • Il Mondo (numero 21) sentiero tra Yesod e Malkuth, corrispondenza con la runa INGUZ

Per completezza

  • L’asso di spade corrisponde alla runa ANSUZ
  • L’asso di bastoni corrisponde alla runa KENAZ
  • L’asso di denari corrisponde alla runa WUNJO
  • L’asso di coppe corrisponde anche alla runa WIRD

Gli Aett delle Rune e il loro significato

Gli Aett sono raggruppamenti di rune.

Ogni Aettir (forma singolare) è formato da 8 rune.

L’ordine delle rune non è casuale, ogni runa è conseguenziale alla precedente e, di contro, la precedente è intimamente legata a quella che la segue sia come simbologia sia come significato.

Gli Aett rappresentano lo stadio evolutivo dell’essere umano ed indicano il cammino che l’essere umano deve compiere per giungere alla meta finale.

Aettir di Freyr

La prima Aett che incontriamo è quella di Freya.

Questo Aettir esprime i livelli archetipali legati alla creazione e all’ordine cosmico.

Il primo Aettir di Freyr prende il nome da Fuhu, dio della fertilità e percorre il suo sentiero dalla prima runa Fehu, appunto, che simboleggia la prosperità all’ottava runa Wunjo da intendere come gioia e onori.

Questo Aettir ha dunque a che fare con la stabilità e la prosperità.

Aett Freya Rune

 

Aett
Colori
Stadi evolutivi
Età
Elemento
Simbolismo
1
FEHU
Freya
Rosso Chiaro
Origine
Concepimento
Acqua
Bestiame
2
URUZ
Freya
Verde Scuro
Forza Vitale
Concepimento
Fuoco
Forza primordiale
3
THURISAZ
Freya
Rosso
Adattamento
Concepimento
Acqua
Spina
4
ANSUZ
Freya
Blu notte
Cominicazione
Infanzia
Aria
Parola
5
RAIDHO
Freya
Rosso Chiaro
Movimento
Infanzia
Aria
Cavalcare
6
KENAZ
Freya
Rosso Chiaro
Apprendimento
Infanzia
Fuoco
Fiaccola
7
GEBO
Freya
Blu mare
Scambio
Adolescenza
Aria
Dono divino
8
WUNJO
Freya
Giallo
Comprensione
Adolescenza
Aria
Soddisfazione

Aettir di Hagal

L’Aettir di Hagal prende il nome dalla nona runa, Hagalaz, e racchiude i principi della crescita interiore e personale.

È sempre un buon momento per mettersi in discussione, lavorare su sé stessi e rinascere.

Aett Heimdall Rune

 

Aett
Colori
Stadi evolutivi
Età
Elemento
Simbolismo
9
HAGALAZ
Heimdall
Azzurro
Formazione
Adolescenza
Acqua
Grandine
10
NAUTHIZ
Heimdall
Nero
Potere
Giovane adulto
Terra
Necessità
11
ISA
Heimdall
Nero
Stabilità
Giovane adulto
Acqua
Ghiaccio
12
JERA
Heimdall
Azzurro
Integrazione
Giovane adulto
Terra
Raccolto
13
EHIWAZ
Heimdall
Blu notte
Costranza
Prima età adulta
Acqua
Albero del Tasso
14
PERTHRO
Heimdall
Nero
Possibilità
Prima età adulta
Terra
Segreto
15
ALGIZ
Heimdall
Verde Scuro
Indipendenza
Prima età adulta
Fuoco
Alce
16
SOWULO
Heimdall
Argento
Energia
Età adulta media
Fuoco
Sole

Aettir di Tyr

L’Aettir di Tyr, che va dalla diciassettesima runa Tiwaz all’ultima runa Othila, è il gruppo di rune dell’illuminazione e dei talenti.

Queste rune mettono l’accento sui progressi e gli aspetti negativi, lasciando però sempre qualcosa di positivo.

Del resto Tyr è un “dio motivazionale”.

Aett Tyr Rune

 

Aett
Colori
Stadi evolutivi
Età
Elemento
Simbolismo
17
TIWAZ
Tyr
Rosso
Coraggio
Età adulta media
Fuoco
Spada
18
BERKANA
Tyr
Verde Scuro
Creatività
Età adulta media
Terra
Betulla
19
EWHAZ
Tyr
Bianco
Fiducia
Età adulta avanzata
Aria
Cavallo
20
MANNAZ
Tyr
Rosso
Cooperazione
Età adulta avanzata
Aria
Uomo
21
LAGUZ
Tyr
Verde
Equilibrio
Età adulta avanzata
Acqua
Acqua
22
INGWAZ
Tyr
Giallo
Realizzazione
Tarda età adulta
Acqua
Casa
23
DAGAZ
Tyr
Giallo Sole
Trasformazione
Tarda età adulta
Aria
Giorno
24
OTHALA
Tyr
Azzurro
Sagezza
Tarda età adulta
Terra
Proprietà

Come pronunciare e far vibrare correttamente una runa

Il suono è una vibrazione e queste vibrazioni hanno sempre effetti sui corpi solidi.

I nostri corpi (Corpo quantico, Corpo eterico e Corpo fisico) in questo non fanno eccezione, tant’è che nell’antica Atlantide  le persone venivano curate con il suono.

I suoni sono, dunque, fondamentali.

Per far vibrare correttamente le rune abbiamo bisogno innanzitutto di pronunciare correttamente il loro nome.

Ascolta più volte questo audio fino a quando non padroneggerai completamente la pronuncia corretta.

Può anche darsi che ascoltare più volte questi suoni ti induca in uno stadio di trance, rilassati e lascia che il subconscio lavori.

 

 

Saper pronunciare correttamente il nome di ogni runa è il primo passo per incamminarci sulla via dell’albero della cabala ed è la chiave di volta per “possano entrare nella città per le porte”.

Stampati un glifo dell’albero della cabala.

albero della cabala Tzimtzum

Possedere delle proprie rune è un quid in più.

Rilassati, mettiti comodo.

Scegli il sentiero che vuoi percorrere, è sempre buona prassi percorrere l’albero in modo ascendente partendo dal primo cammino, il sentiero tra Yesod e Malkuth, prendi INGUZ osservala più e più volte fino a quando ad occhi chiudi riuscirai a visualizzarla.

Inizia a respirare dal naso ed espirare della bocca.

Quando prendi il respiro dal naso, cerca di farlo in 3 frazioni di seguito fino a quando i tuoi polmoni non saranno pieni.

Trattieni il respiro.

Espira dalla bocca.

Quando sarai pronto inizia a far vibrare la parola.

Scandisci ogni vocale e ogni consolante dilatandole per l’intero fiato, lascia che il suono vibri.

In questo sentiero tra Malkuth e Yesod, dalla Terra, ti elevi verso la Luna, perditi in questo meraviglioso viaggio.

Cura il tuo corpo Emotivo.

Nella prossima meditazione decidi da che Sefirah partire, a quale vuoi giungere e il relativo sentiero.

Prendi la relativa runa tra le mani.

Alcuni consigli

Percorri tutti i sentieri senza fretta, ogni sentiero va percorso più e più volte, tantissime volte a dire il vero, e non dovrebbe mai essere lasciato prima di averlo sperimentato completamente.

Su INGUZ ci sono uomini che meditano da tempo immemorabile.

Percorri le vie sempre con dovuto rispetto, cosciente che dall’altra parte ci sono forze, potenze, geni, elementali pronti a darti tutto se sarai capace di chinare il capo.

Resta, per quanto possibile, in questo viaggio sempre sotto Marte e Giove, Geburah e Chesed, al Trino divino ci arriverai ma con la dovuta calma e non prima di aver scoperto la vera e reale posizione della Da’ath e il suo vero e concreto significato.

Con pace.

Abyssus abyssum invocat

Renovetur

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi approfondimenti sull’Alchimia Esoterica

Oggetti e candele esoteriche: strumenti essenziali nelle pratiche

Oggetti e candele esoteriche: strumenti essenziali nelle pratiche

Breve panoramica sull'esoterismo e l'uso di oggetti e candele nelle pratiche esoteriche L'esoterismo, un termine che deriva dal greco antico ἐσωτερικός (esōterikós), letteralmente "interno", si riferisce a una vasta gamma di pratiche e studi che esplorano i misteri...